<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1158757067588897&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Perchè la tua azienda ha bisogno di un CDO

Nel periodo storico che stiamo vivendo fortemente caratterizzato da mutamenti e innovazioni tecnologiche che si susseguono a ritmo incalzante in ogni ambito, è fondamentale adeguare il proprio business a queste nuove istanze, pena il registrare uno svantaggio competitivo che a lungo andare si può tradurre in una definitiva uscita dal mercato.

Nel mondo dell'impresa si sta, quindi, facendo largo la consapevolezza che è tempo di adeguarsi a questo nuovo mondo e se gestire un processo di digitalizzazione da soli è impossibile a causa della mancanza di competenze specifiche si può trovare un'ancora di salvezza in mezzo alla tempesta dei cambiamenti nella figura del CDO ovvero del Chief Digital Officer.

Questa figura professionale, grazie alla vasta esperienza maturata nell'ambito del digital marketing e alle sue competenze multidisciplinari è, infatti, in grado di definire e implementare una serie di interventi e attività volti a rendere l'azienda nuovamente competitiva nell'attuale contesto economico.

Infografica Chief Digital Officer CDO

Le aree d’intervento del CDO per far crescere la tua azienda

Il CDO, lavorando a stretto contatto con il titolare dell'azienda o con il CEO, mette al servizio dell'azienda per il limitato periodo della transizione digitale le proprie eterogenee competenze che gli consentono di intervenire in varie aree aziendali rendendo possibile il raggiungimento di importanti obiettivi che incidono sul fatturato.

 

1° area d’intervento: la digitalizzazione aziendale

La digitalizzazione aziendale, ovvero, l'adeguamento dei suoi processi lavorativi e flussi di comunicazione interni ed esterni è fondamentale per poter continuare a operare nel proprio settore rispondendo alle diverse esigenze di tutti i suoi stakeholders interni o esterni come clienti e fornitori.

Come non si può continuare a lavorare con la macchina da scrivere, così non è più possibile utilizzare metodi e strumenti di lavoro ormai obsoleti.

Il CDO interviene favorendo e creando le basi per l’introduzione di tools come:

  • software ERP necessari per la pianificazione e l’ottimizzazione delle risorse di un’azienda

  • software CRM che consentono una gestione puntuale e strutturata delle relazioni con i clienti e la loro fidelizzazione

  • software di project management volti a consentire una migliore e più efficace organizzazione del lavoro permettendo di monitorare in tempo reale e in modo preciso l’avanzamento di ogni tipo di progetto

 

2° area d’intervento: allineamento del reparto marketing e sales

Tra i primi interventi del CDO vi è il porre le basi per l’allineamento del reparto Marketing e Sales al fine di creare lo Smarketing, una nuova metodologia di lavoro che fonde le competenze di entrambe le aree per creare una squadra di lavoro forte e coesa in cui ogni membro utilizza le proprie diverse competenze per il raggiungimento di comuni obiettivi aziendali e di fatturato.

Definite le nuove attività, i dipendenti del Sales e del Marketing si alternano in base alle loro competenze nelle varie fasi che le compongono creando un team dove si lavora in maniera sinergica ed efficiente, anche, grazie al supporto dei software di project management che consentono di monitorare il progresso di ogni progetto in real time.


3° area d’intervento: definizione di una strategia di marketing inbound

Le innovazioni tecnologiche e i cambiamenti di questi ultimi anni hanno profondamente inciso anche sui processi d'acquisto e sui comportamenti di clienti e buyer rendendo necessario un adeguamento della propria strategia di marketing. L'outbound marketing, fiere, eventi ma anche l'utilizzo di leve di marketing digitali sganciate da una strategia di più ampio respiro sono ormai inefficienti e rappresentano dei costi in continua crescita non giustificabili con un reale ritorno economico.

Il CDO, invece, è in grado di definire un'innovativa di strategia di marketing inbound che grazie all'utilizzo di avanzati software di CRM e di efficaci tecniche di vendita consenta di creare un modello di acquisizione clienti realmente efficace nel contesto odierno.

Se nel marketing tradizionale l'obiettivo è trovare nuovi clienti per vendere, oggi opzione difficilmente percorribile visto il desiderio del cliente di porsi come parte attiva del processo decisionale di acquisto, nel marketing inbound si ribalta questo paradigma “facendosi trovare”. A tal scopo il CDO definisce una strategia che prevede l'utilizzo del sito web, dei social network, di parole chiave e altri mezzi reputati consoni, al fine di intercettare potenziali clienti lungo il loro buyer journey per trasformarli in visitatori o lead.

Lo step successivo è coltivare questi lead tramite attività di lead nurturing volte a fornirgli ulteriori contenuti salienti come whitepaper o infografiche allo scopo di convertirli in clienti.

La strategia di inbound marketing e i suoi effetti non si fermano comunque qui: i clienti acquisiti devono essere fidelizzati e trasformati in promotori dei tuoi servizi o prodotti tramite altre attività ad hoc in modo che attraverso il passaparola generino nuovi lead in un ciclo i cui effetti possono essere esponenziali.

 

4° area d’intervento: supporto al CMO e al CTO

Il CMO e il CTO sono due figure, oltre al titolare o al CEO, con cui il CDO deve costantemente interfacciarsi in modo da rendere il più semplice possibile per tutti il processo di trasformazione.

Le competenze trasversali del CDO possono, inoltre, completare e fare da collegamento tra quelle del CMO e del CTO in maniera da formare un gruppo di lavoro affiatato in cui non c’è spazio o ragione per la competizione.

 

5° area d’intervento: gestione delle relazioni con i partner esterni

Un’altra area di intervento del CDO riguarda la gestione delle relazioni con l'agenzia marketing e gi altri partner e fornitori esterni in modo da definire dei flussi di comunicazione che consentano uno scambio semplice e lineare delle informazioni.

Il CDO avendo una solida esperienza in ambito marketing è, inoltre, in grado di valutare in maniera realistica i risultati delle azioni effettuate dall’agenzia e comprendere l’effettiva potenzialità di quelle proposte.

Se un tempo la crescita di un'azienda era garantita da un buon rapporto qualità e prezzo del prodotto, dai servizi forniti e dalla creazione di una relazione positiva con il propri clienti e fornitori, oggi le sfide per competere in un mercato globale caratterizzato da una competizione altissima sono diverse e si rendono necessari dei cambiamenti in azienda che devono riflettere quelli del mondo esterno.

 

Bottom line

Per aggiudicarsi nuovi clienti non basta agire solo su qualità e prezzi ma si rende necessario un cambiamento di paradigma che investa ogni settore aziendale e soprattutto, quello del Marketing e Sales che devono adeguarsi ai nuovi comportamenti di acquisto e alle mutate richieste dei clienti o buyer a prescindere che si operi in ambito B2C o B2B.

Il CDO è il professionista che lavorando a stretto contatto con il CEO e CMO può definire la nuova strategia di marketing da intraprendere, implementarla e definire i KPI necessari al costante monitoraggio dei suoi risultati ai fini di una sua ottimizzazione in base alle risposte di un mercato in costante evoluzione.

infografica-chief-digital-officer-cdo

Davide Andreetti

Il mio scopo è aiutare gli altri a migliorare le cose, per generare il cambiamento, per far crescere il vostro progetto e soprattutto per servire le persone a cui tenete. "Il marketing non è una battaglia ma è l'atto generoso di aiutare le persone a risolvere il loro problema" (Seth Godin)

Dicci cosa ne pensi di questo articolo

Inserisci il tuo commento qui sotto!

Potrebbero anche interessarti:

Inbound marketing Strumenti Customer experience Strategia

3 consigli su come usare Instagram per coinvolgere il pubblico della tua azienda

Tra le righe dell'ultimo rapporto congiunto tra HubSpot e Mention sul coinvolgimento di Instagram, traspare chiaramente ...

Marketing automation Inbound marketing Buyer persona Content

ToFu, MoFu e BoFu: personalizzare i contenuti di un sito sul processo di acquisto dei clienti

Specialmente nel settore B2B, il percorso di acquisto è lungo, complesso e spesso coinvolge più parti interessate lungo ...

Inbound marketing Content Strategia

7 regole per scrivere contenuti di qualità ed essere visibili online

La frase "Content is king" viene sballottata in rete già da un po ', pubblicata per la prima volta nel 1996 da Bill Gate...

Se sei curioso di sapere come Digibee può lavorare con te, o ti piacerebbe conoscere il tuo potenziale di crescita, ti invitiamo per una prima chiacchierata online.

PRENOTA UNA CALL