<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1158757067588897&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Come migliorare la comunicazione con la tua digital agency e lavorare meglio

Affidare la propria comunicazione ad un’agenzia di digital marketing è una consuetudine sempre più diffusa tra le aziende che vogliono affermarsi sui nuovi mercati digitali: ma non sempre si rivela la scelta migliore.

Difficoltà di comunicazione, incomprensioni, lunghi tempi d’attesa ed errori nelle lavorazioni: sono solo alcune delle difficoltà a cui un’azienda può andare incontro nella gestione dei rapporti con una digital agency.

Le conseguenze ricadono in gran parte sulla figura del responsabile marketing interno, che spesso si trova nella difficile situazione di dover mediare tra le esigenze aziendali e il modo di lavorare dell’agenzia web.

Le cose si complicano ulteriormente se in azienda è presente un reparto marketing, che continua ad occuparsi di alcune lavorazioni, magari del marketing offline: riuscire ad allineare il lavoro e gli obiettivi dell’agenzia con le figure professionali presenti in azienda, gestire il workflow delle lavorazioni e allo stesso tempo comunicare efficacemente un modello di business univoco al reparto vendite che si occupa del contatto diretto e finale con i clienti può rivelarsi un’impresa titanica se non si hanno a disposizione gli strumenti giusti.

New call-to-action

 

Come migliorare la comunicazione tra azienda e digital agency?

Per le aziende che non hanno scelto di creare un reparto marketing interno a cui affidare la propria comunicazione digitale, esistono delle strategie da mettere in atto per fluidificare non soltanto la comunicazione ma anche i flussi di lavoro con la digital agency a cui si è scelto di affidarsi.

Il primo problema da affrontare riguarda la scarsa conoscenza del mercato di riferimento da parte della web agency: la maggior parte delle agenzie digital, pur avendo una formazione verticalizzata sul marketing, ignorano le dinamiche interne ad un’azienda ed hanno una conoscenza scarsa e approssimativa del settore di mercato in cui operano i loro clienti.

Questo si traduce in una serie di difficoltà:

  • settare obiettivi coerenti con le esigenze aziendali e del mercato di riferimento

  • individuare strategie di marketing mirate e tagliate sulle esigenze specifiche del settore

  • valutare i risultati ottenuti in termini di obiettivi raggiunti

Purtroppo è impossibile aspettarsi da una web agency che si occupa di marketing il grado di conoscenza del mercato che solo un esperto di un settore può avere.

Per arginare questa problematica, l’ideale sarebbe affiancare all’agenzia un professionista esperto, già verticalizzato o che abbia la possibilità di verticalizzare le proprie conoscenze rispetto al settore merceologico di riferimento dell’azienda, in modo da fornire alle figure professionali che lavorano in agenzia un quadro d’insieme utile a contestualizzare le proprie scelte e attività di marketing in modo da massimizzarne l’efficacia.

Leggi anche: Chi è e cosa fa il Chief Digital Officer

consulente-digital

Il secondo ostacolo più comune riguarda, per contro, una difficoltà di comunicazione tra l’agenzia digital e il referente aziendale interno, che spesso non è sufficientemente "skillato" per comprendere le dinamiche relative al marketing, soprattutto al marketing online e per parlare la stessa lingua dei marketer professionisti.

Questa carenza spesso dipende da scelte aziendali affrettate, come quella di riconvertire il ruolo di una figura tecnica già presente in azienda affidandole mansioni e responsabilità legate alla gestione del digital marketing, ma senza aver effettuato l’adeguata formazione.

Avere un reparto marketing interno può essere un grande vantaggio per un’azienda, a patto che questo si inserisca in un contesto fertile e predisposto ad accoglierlo e a riconoscerne il valore.

Anche in questo caso, l’aiuto di un consulente esterno può essere decisivo per promuovere una cultura aziendale orientata al digital marketing e fornire alle figure che si occuperanno di marketing, che si tratti di dirigere un reparto interno o di interfacciarsi con una web agency esterna, gli strumenti e le competenze necessarie ad allinearsi con i marketer e ad imparare il loro linguaggio.


Prendere coscienza di queste problematiche comuni e sapere come approcciarvisi nell'eventualità in cui dovessero presentarsi aiuta le aziende ad affrontare con serenità la sfida della digitalizzazione e del marketing online, ciascuna nel modo che le è più consono.

Leggi anche: La tua azienda è pronta a gestire un reparto marketing interno?

Whitepaper digitalizzazione delle aziende 2019 - report gratuito

Giulia G.

Giornalista e blogger, amo scrivere da sempre. Quando ho incontrato il digital marketing è stato amore a prima vista. Oggi aiuto imprese e professionisti a raccontare la loro storia sul web attraverso strategie di content marketing efficaci e mirate.

Dicci cosa ne pensi di questo articolo

Inserisci il tuo commento qui sotto!

Potrebbero anche interessarti:

Inbound marketing Strumenti Customer experience Strategia

3 consigli su come usare Instagram per coinvolgere il pubblico della tua azienda

Tra le righe dell'ultimo rapporto congiunto tra HubSpot e Mention sul coinvolgimento di Instagram, traspare chiaramente ...

Marketing Data-driven Strategia Lead generation

Visite in concessionaria aumentate del 52% con le campagne locali

In Italia il 99% degli acquisti di automobili avviene offline, Toyota ha quindi voluto incentivare le visite presso i co...

Inbound marketing Content Strategia

7 regole per scrivere contenuti di qualità ed essere visibili online

La frase "Content is king" viene sballottata in rete già da un po ', pubblicata per la prima volta nel 1996 da Bill Gate...

Se sei curioso di sapere come Digibee può lavorare con te, o ti piacerebbe conoscere il tuo potenziale di crescita, ti invitiamo per una prima chiacchierata online.

PRENOTA UNA CALL